Pisa battuto

Gol partita di Cellini su rigore

Oggi per il Perugia i 3 punti sono arrivati un pò più tranquillamente che nelle ultime gare disputate in casa. Il cambio di allenatore ha sortito l'effetto sperato, anche se va sottolineata la pochezza della squadra del Pisa, fallosa oltremodo ed ampiamente meritevole della sua posizione di mediocre mezza classifica. Stupisce però come il gol partita non sia arrivato su azione nonostante le diverse occasioni, specialmente sul finire di gara (pur in inferiorità numerica per il rosso a Ghomsi) con i pisani in avanti ed i nostri a scorrazzare in contropiede.
Ma prima del risultato sportivo oggi Perugia ha vinto su un altro piano, quello della solidarietà. Infatti i gruppi della Curva Nord si sono dati da fare per organizzare una raccolta fondi in favore di Emergency per la costruzione del Centro di cardiochirurgia di Khartoum, in Sudan (per maggiori informazioni sull'iniziativa benefica vai al sito di Emergency, è possibile effettuare donazioni via conto corrente bancario o postale, on-line e via sms al 48587).
La gara in campo è invece un revival di quanto di buono visto nel girone d'andata, e quindi faccio il mio plauso a Stringara che è stato capace da subito di risvegliare dal torpore invernale i Grifoni. Parte subito forte il Grifo colpendo un palo con Arcadio. E' al 32' l'episodio chiave della partita: Arcadio lancia Cellini, che viene implacabilmente steso in area di rigore. Il giovane attaccante del Perugia s'incarica di battere la massima punizione ed il suo destro angolato a mezz'altezza è imprendibile per il numero uno nerazzurro. Il secondo tempo è decisamente migliore del primo per il Perugia, che per ben tre volte sfiora il raddoppio con Arcadio, Cellini e Myrtaj. Al 65' Valeri di Roma concede un secondo rigore al Perugia, per fallo su Puccinelli, ma questa volta Cellini lo sbaglia. C'è tempo per l'ennesima espulsione ai danni del Perugia, per fallo di reazione di Ghomsi, giocatore tra i più promettenti per le doti atletiche e tecniche dell'attuale Grifo (pur se di proprietà del Genoa), ma decisamente in periodo-no, anche per via di un certo atteggiamento provocatorio in campo. Tra i più attivi ho visto il capitano Bernini, che addirittura in un'azione offensiva rischia l'infortunio andando a franare contro un tabellone pubblicitario, e, data la velocità alla quale correva, lo distrugge (sic! ma per fortuna si è subito rialzato). Il nuovo modulo tattico allestito da Stringara (un arrembante 3-4-3) ha accorciato un pò la squadra, e devo dire che, salvo un errore nel primo tempo che poteva costar caro, la difesa ha retto bene la nuova impostazione. A centrocampo il solo Rizzato mi parso fuori ruolo ma ha saputo agire bene anche sulla mediana. Da segnalare inoltre il debutto assoluto con la maglia del Grifo di Antonio Rizzo, infortunato da inizio campionato. Quanto agli avversari, il Pisa di oggi è stato inconsistente, di certo non all'altezza dei circa 700 supporters nerazzurri presenti oggi al Curi.
Ora si deve lavorare per migliorare e prepararsi al meglio per la prossima sfida, importantissima in chiave playoff, contro la Sangio, lì nel Valdarno. Ed è in trasferta che va testato il nuovo Perugia targato Stringara.

In alto un'immagine recente dalla Curva Nord (foto Michele Castellani)

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Forza Perugia!

Terzo Occhio ha detto...

Per tutti gli appasionati di foto da oggi è on-line un foto-blog da Perugia...
www.fotoviaggio.blogspot.com
Bella Angelì e Forza Grifo

Posta un commento

Ultimi post